logo

Perché dovresti diffidare di alcuni integratori di enzimi digestivi

(iStock)

DiChristy Brissette 19 febbraio 2019 DiChristy Brissette 19 febbraio 2019

La tua digestione lascia a desiderare? Se provi spesso disagio dopo aver mangiato, non sei solo. Secondo il National Institutes of Health, da 60 a 70 milioni di americani sono affetti da malattie dell'apparato digerente. Molti stanno provando una categoria abbastanza nuova ma in crescita di integratori chiamati enzimi digestivi, che possono aiutare il corpo a scomporre i composti nel cibo. Questi integratori contengono tipicamente una varietà di enzimi digestivi come amilasi, lipasi e proteasi. Un rapporto di Transparency Market Research stima che il mercato globale degli integratori di enzimi digestivi, del valore di 358 milioni di dollari nel 2016, dovrebbe crescere fino a superare il miliardo di dollari entro il 2025.

Mattina o notte? Con il cibo o senza? Risposte alle tue domande sull'assunzione di integratori.

Suggerimenti per iniziare e ottenere il massimo dalla terapiaFreccia Destra

Mattina o notte? Con il cibo o senza? Risposte alle tue domande sull'assunzione di integratori.

Le promozioni per alcuni di questi integratori fanno più che promettere che cureranno i disturbi digestivi. Affermano inoltre che gli integratori aiuteranno le persone a perdere peso, a pensare in modo più chiaro e persino a dare alle persone la possibilità di mangiare cibi a cui sono allergici. Ma prima di spiegare perché questi integratori non sono tutto ciò che si crede, e potrebbero anche essere pericolosi, ecco una breve lezione su come gli enzimi si inseriscono nel processo digestivo.

Cosa sono esattamente gli enzimi digestivi?

Gli enzimi digestivi sono proteine ​​che il tuo corpo produce e usa per scomporre il cibo in energia e sostanze nutritive. Si differenziano dai probiotici, che sono batteri o lieviti che offrono benefici per la salute, e dai prebiotici, che sono fibre e altri composti non digeribili che promuovono la crescita di batteri intestinali sani. Tipi specifici di enzimi scompongono carboidrati, proteine ​​o grassi. Gli enzimi digestivi vengono rilasciati e si mescolano al cibo durante la digestione, iniziando dalla bocca e proseguendo nello stomaco, nel pancreas, nel fegato e nell'intestino tenue.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Quando il tuo corpo non produce abbastanza di alcuni enzimi digestivi, i composti non digeriti possono farsi strada nell'intestino crasso e causare sintomi spiacevoli - come il gas che si avverte dopo aver mangiato i fagioli - o privare il tuo corpo di energia e sostanze nutritive essenziali.

inclinazione tapis roulant 12 velocità 3

Enzimi digestivi su prescrizione

In quest'ultimo caso, è probabile che tu abbia un problema medico più serio che colpisce il pancreas, come pancreatite, cancro al pancreas o fibrosi cistica. Se è così, l'assunzione di enzimi per via orale è essenziale, perché il tuo corpo non ne produce abbastanza per scomporre il cibo in energia e sostanze nutritive. Probabilmente avrai bisogno di enzimi digestivi prescritti con nomi commerciali come Creonte o Pancreaze. Questi farmaci, chiamati prodotti a base di enzimi pancreatici, sono stati ben studiati e sono regolamentati dalla Food and Drug Administration. Il tuo medico sarà in grado di determinare la dose giusta per te.

Enzimi digestivi da banco

Se i tuoi sintomi principali sono gas o gonfiore, probabilmente non hai bisogno di una soluzione prescrittiva e puoi rivolgerti a rimedi da banco.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

L'alfa-galattosidasi è un enzima digestivo che scompone i carboidrati nei fagioli in zuccheri più semplici per renderli più facili da digerire. L'integratore di alfa-galattosidasi più comunemente conosciuto è conosciuto con il nome commerciale Beano. È in circolazione dai primi anni '90, molto prima che gli enzimi digestivi iniziassero a fare tendenza.

Un altro enzima digestivo comune di cui avrai probabilmente sentito parlare è la lattasi, che scompone il lattosio, lo zucchero naturale del latte. Senza abbastanza lattasi, il lattosio viaggia non digerito nel colon, seguito da molta acqua per diluirlo. Questo porta a crampi, gas e diarrea che sono i segni distintivi dell'intolleranza al lattosio. Le pillole di lattasi - o latte senza lattosio, a cui è già stato aggiunto l'enzima - possono prevenire i sintomi dell'intolleranza al lattosio.

Certo, puoi scegliere di evitare cibi che ti danno problemi. Ma l'assunzione di integratori di alfa-galattosidasi o lattasi per aiutare con problemi digestivi è sicura e basata sull'evidenza.

Nuovi integratori di enzimi digestivi

Ultimamente, i consumatori hanno acquistato integratori di enzimi digestivi da banco che contengono combinazioni di molti enzimi diversi. Queste formulazioni non sono state regolamentate o valutate scientificamente per l'efficacia e le persone le assumono senza la raccomandazione del medico. Ci sono diversi problemi con questo approccio.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Questi integratori contengono enzimi prodotti da piante o animali, come l'enzima che digerisce le proteine ​​bromelina, che si trova nell'ananas. Sebbene possano portare etichette che promettono che sono naturali e sicuri, potrebbero avere potenziali effetti collaterali e interazioni farmacologiche. Ad esempio, la bromelina potrebbe interagire con i farmaci per fluidificare il sangue.

Gli integratori di enzimi digestivi potrebbero anche interagire con antiacidi e alcuni farmaci per il diabete. Possono causare effetti collaterali tra cui dolore addominale, gas e diarrea.

c'è lo zucchero nel pane?

Questi integratori da banco non sono regolamentati dalla FDA e non sappiamo se siano sicuri o efficaci, afferma Akash Goel, gastroenterologo presso Weill Cornell Medicine e New York-Presbyterian. Non abbiamo buoni dati sul dosaggio e c'è sempre la possibilità che ci siano impurità.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Inoltre, non ci sono prove a sostegno delle affermazioni secondo cui questi integratori di enzimi da banco possono promuovere la perdita di peso, migliorare la digestione o aiutare con le allergie alimentari. Le promesse di quest'ultimo sono particolarmente preoccupanti perché l'assunzione degli integratori potrebbe essere pericolosa. Dovresti evitare i cibi a cui sei allergico o che il tuo corpo non può tollerare piuttosto che fare affidamento su un integratore non testato per annullare qualsiasi danno.

Affrontare i problemi digestivi senza pillola

Se gli integratori di enzimi digestivi non sono la panacea che speravamo, cosa deve fare una persona con problemi digestivi? Goel dice, di solito dico ai miei pazienti di evitare [integratori di enzimi digestivi] e di adottare un approccio più sicuro. Preferisce affrontare la causa principale dei disturbi digestivi legati alla dieta modificando ciò che i pazienti mangiano, piuttosto che prescrivere integratori.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Il Dieta a basso contenuto di FODMAP è una possibile soluzione per affrontare i sintomi della sindrome dell'intestino irritabile. I FODMAP sono carboidrati a catena corta che possono causare disturbi digestivi. Proprio come nel nostro esempio del lattosio (che è un tipo di FODMAP), quando questi carboidrati non vengono scomposti correttamente, possono viaggiare nell'intestino crasso, dove possono portare a sintomi come gonfiore, dolore e diarrea e/o stipsi.

Seguendo la dieta da due a sei settimane, circa il 75% delle persone con sintomi di IBS può ottenere sollievo, afferma Jane Muir, professore associato nel dipartimento di gastroenterologia della Monash University di Melbourne, in Australia, dove è stata sviluppata la dieta. Se pensi di avere l'IBS, consulta un operatore sanitario e un dietologo per aiutarti a guidarti attraverso la dieta a basso contenuto di FODMAP.

dove trovare cornici

Oltre a fare cambiamenti nella dieta, raccomando integratori probiotici, che nella ricerca hanno dimostrato di aiutare con problemi digestivi. Goel dice che se i suoi pazienti vogliono davvero prendere un integratore, suggerirà rimedi casalinghi provati e veri per aggiungere la digestione. Il tè al finocchio e lo zenzero sono a basso rischio e non costosi, e sono stati usati per secoli, dice.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Christy Brissette è una dietista registrata, scrittrice nutrizionista, collaboratrice televisiva e presidente di 80TwentyNutrition.com . Seguila su Twitter @80twentyrule .

Altro da Stile di vita:

In arrivo sugli scaffali della drogheria nel 2019: miscele di funghi/carne, proteine ​​di piselli e latte di banana

Paleo e veganismo hanno dato vita al peganismo. Ma questa nuova dieta ti fa bene?

Chi ha deciso che dovremmo fare tutti 10.000 passi al giorno, comunque?

CommentoCommenti GiftOutline Articolo regalo Caricamento...