logo

Trump, un solitario globale, scopre che le sue lamentele sulla guerra commerciale in Cina attirano una folla

Una bandiera nazionale cinese sventola mentre un uomo usa uno smartphone a Shanghai. (Notizie Qilai Shen/Bloomberg)

DiDavid J. Lynch 14 dicembre 2018 DiDavid J. Lynch 14 dicembre 2018

Dopo quasi un anno di lavoro da solo, il presidente Trump si ritrova con un'arma sorprendente nel suo confronto commerciale con la Cina: gli alleati.

La pressione da Europa e Giappone sta amplificando quella del presidentevocalelamentele sulle pratiche commerciali cinesi che, secondo lui, discriminano le società straniere e minacciano gli Stati Uniti.economicocrescita, poiché i nuovi dati economici di venerdì a Pechino hanno mostrato che l'economia sta rallentando più del previsto.

Per eliminare uno dei principali irritanti, i leader cinesigiàhanno iniziato a ridimensionare una politica industriale volta a dominare 10 industrie tecnologiche,dopoconcludere le obiezioni del presidenteerano ampiamente condivisi enon poteva essere risolto semplicemente aspettando ilvolubileleader degli Stati Uniti.

La storia continua sotto la pubblicità

Una cosa che i cinesi hanno dovuto riconoscere è che non era un problema di Trump; era una questione mondiale, ha affermato Jorge Guajardo, direttore senior della McLarty Associates ed ex ambasciatore messicano in Cina. Tutti sono stanchi del modo in cui la Cina gioca con il sistema commerciale e fa promesse che non contano mai.

Nonostante la pausa nella guerra commerciale, le relazioni economiche tra Stati Uniti e Cina sono cambiate per sempre

Funzionari dell'amministrazione affermano che Trump ha il merito di aver guidato una linea più dura verso Pechinoa casa e all'estero. L'attacco al protezionismo cinese ha ora un sostegno bipartisan a Washington; La Germania e il Regno Unito si sono uniti agli Stati Uniti quest'anno nell'inasprimento dei limiti agli investimenti cinesi.

Annuncio

Ma i critici dicono che il presidente non ha fatto abbastanza per capitalizzare su quelle lamentele condivise,Invecealienanti funzionari europei e giapponesiquest'annoimponendo tariffe sulle loro spedizioni negli Stati Uniti di acciaio e alluminio.

La storia continua sotto la pubblicità

La determinazione di Trump a perseguire il suo confronto con la Cina è messa in dubbio in mezzolotte interne all'amministrazione esuggerimenti che gli Stati Uniti potrebbero accontentarsi di maggiori acquisti cinesi di prodotti americani piuttosto che richiedere cambiamenti all'ingrosso al sistema economico cinese nei negoziati commerciali in corso.

Ha senso coinvolgere di più gli altri paesi. . . . Ma non sanno quanto sia serio Trump sulle parti della riforma sistemica, ha detto Chad Bown, un membro anziano del Peterson Institute for International Economics.

La Cina ha cercato di disinnescare l'irritazione globale sulla sua posizione mercantilista segnalando la volontà di rivedere un programma di sussidi statali e obiettivi di quote di mercato chiamato Made in China 2025.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

La nuova flessibilità arriva quando i dati sulla produzione industriale cinese venerdì sono stati inferiori alle aspettative degli economisti e le vendite al dettaglio sono cresciute al ritmo più lento degli ultimi 15 anni.

Analisti in Cina e negli Stati Uniti affermano che la Cina sta modificando il programma Made in China a causa delle pressioni ditutto suoprincipali partner commerciali.

come riparare una piastrella rotta

A settembre, i ministri del commercio degli Stati Uniti, dell'Unione europea e del Giappone hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che ha condannato l'uso dei sussidi per trasformare le imprese statali in campioni nazionali e liberarle nei mercati globali.

La dichiarazione, che non ha nominato alcun paese, ha anche respinto il trasferimento forzato di tecnologia e gli attacchi informatici, sottolineando gli elementi chiave degli attacchi del presidente a Pechino.

La storia continua sotto la pubblicità

Il rappresentante commerciale degli Stati Uniti Robert E. Lighthizer ha descritto il programma di sovvenzioni, che fissa obiettivi di quota di mercato per l'industria cinese,come mettere in pericolo la leadership tecnologica degli Stati Uniti. La Cina vuole che i suoi produttori di semiconduttori forniscano il 70% del fabbisogno interno, rispetto a meno del 20%oggi, minacciando i 6 miliardi di dollari di esportazioni statunitensi annuali.

Annuncio

Macirca una dozzina di altri paesi sono paripiù dipendenti dalla produzione high-tech e dalle esportazioni di attrezzature industriali avanzate, e sonopiù esposto al desiderio della Cina di sostituireacquisti diprodotti stranieri con alternative nazionali, secondo il Mercator Institute for China Studies di Berlino.

Il respingimento di altri partner commerciali è un pezzo davvero importante della dinamica qui, ha affermato Michael Hirson, un ex addetto del Dipartimento del Tesoro a Pechino che ora fa parte del Gruppo Eurasia. Questo perché il programma Made in China 2025 è più una minaccia per Germania, Corea del Sud e Giappone che per gli Stati Uniti.

Il caso Huawei mostra come le ambizioni della Cina siano in rotta di collisione con gli Stati Uniti.

La pressione esterna ha spinto la Cina quest'anno ad aprire i mercati per i servizi finanziari e le automobili, secondo l'economista Andrew Polk, partner di Trivium China, una società di consulenza con sede a Pechino.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Venerdì, il governo cinese ha anche temporaneamente annullato un aumento delle tariffe sulle auto statunitensi, implementando parte di una tregua della guerra commerciale Il presidente cinese Xi Jinping e Trump hanno concordatoadurante il loro incontro a Buenos Aires questo mese.

Nell'ultimo anno, le autorità cinesi hanno eliminato il limite di proprietà estera per gli assicuratori sulla vita, approvato istituzioni finanziarie estere che sottoscrivono offerte di obbligazioni nazionali e hanno concordato di revocare i limiti alle partecipazioni estere in joint venture automobilistiche entro il 2022.

Questo non è solo il mal di pancia di Trump. È l'unico problema bipartisan a Washington. È una preoccupazione per Bruxelles e Canberra e questo riconoscimento è ciò che ha contribuito a favorire l'accelerazione dell'apertura del mercato, ha affermato Polk. Sono disperati per cambiare la narrativa. Si rendono conto di come il terreno si è spostato sotto di loro.

La storia continua sotto la pubblicità

Fin dall'inizio, il presidente ha perseguito il suopiani per anAmerica Primo remake della politica commerciale degli Stati Uniti con scarso riguardo per il sentimento all'estero. Ha ritirato gli Stati Uniti dalla Trans-Pacific Partnership di 12 nazionicome uno dei suoi primi atti ufficiali, eluiha imposto tariffe unilaterali a un livello mai visto dagli anni '30.

migliori piante per vasi all'aperto
Annuncio

I suoi attacchi all'Organizzazione mondiale del commercio hanno anche minato ogni possibilità che i partner commerciali della Cina si unissero in una denuncia globale a Ginevra.

Gli Stati Uniti hanno vinto l'E.U. e il supporto giapponese per una denuncia all'OMC secondo cui la Cina ha violato i diritti di proprietà intellettuale degli Stati Uniti. Mapiuttosto che utilizzare l'organismo commerciale globale per un attacco più ampio alla Cina, l'amministrazione ha chiesto cambiamenti nel modo in cui opera l'organizzazione.

La storia continua sotto la pubblicità

Per i critici, l'amministrazione ha perso l'opportunità di schierare i partner commerciali della Cina dietro un'accusa generalizzata della sua economia guidata dallo stato.

La Cina ha una grande arma che non ha ancora usato nella guerra commerciale. Turisti.

Jennifer Hillman, professoressa di pratica presso la Georgetown University Law School, ha dichiarato il mese scorso al Comitato finanziario del Senato che gli Stati Uniti dovrebbero portare avanti un caso grande e audace, basato su una coalizione di paesi che lavorano insieme per affrontare la Cina.

Annuncio

Da soli, gli alleati degli Stati Uniti hanno risposto alle ambizioni della Cina di acquisire tecnologia straniera tramite acquisizioni, furti informatici o requisiti di licenza coercitiva con un attento esame dei suoi investimenti.

L'Unione Europea. concordato il mese scorso per stabilire un nuovo meccanismo di screening per gli investimenti esteri, motivato in gran parte da un forte aumento dell'attività cinese nel continente. Ma l'U.E. misura lascia le decisioni finali ai governi nazionali e non è all'altezza del Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti.

La storia continua sotto la pubblicità

Il governo tedesco a luglio ha bloccato due potenziali acquisizioni da parte di investitori cinesi, a seguito di un'azione simile da parte del Canada due mesi prima, e ha abbassato al 15% dal 25% le quote di proprietà straniera che richiedono una revisione. Il governo del primo ministro britannico Theresa May ha anche annunciato piani per un esame più attento degli investimenti da parte di entità straniere.

Annuncio

Nonostante la sua reputazione di solitario globale, le opinioni di Trump sulla Cina stanno diventando la saggezza convenzionale. Il mese scorso, mentre il presidente si preparava a recarsi a Buenos Aires per un vertice internazionale e una cena con Xi, un alto funzionario dell'amministrazione ha affermato un ampio sostegno agli obiettivi degli Stati Uniti.

Il resto del mondo sa che la Cina ha violato le pratiche commerciali comuni, le pratiche commerciali e le leggi dell'OMC. Il resto del mondo conosce bene i problemi del furto di proprietà intellettuale e dei trasferimenti forzati di tecnologia. Loro lo sanno e lo hanno detto. L'idea che altri paesi non siano con noi, semplicemente non è vera, ha affermato il direttore del Consiglio economico nazionale Larry Kudlow. Il resto del mondo lo sa e la Cina lo sa il resto del mondo lo sa.

I funzionari statunitensi e cinesi stanno correndo verso una scadenza autoimposta del 1 marzo per negoziare un accordo commerciale che comporterebbe cambiamenti nell'economia statale cinese. Molti alleati di Trump sono scettici che la Cina accetterà di allontanarsi dal suo sistema diretto dallo stato e abbracciare ulteriori cambiamenti del mercato.

Annuncio

Con gli Stati Uniti e la Cina bloccati in una competizione geopolitica,È più facile per i funzionari orientati alla revisione sostenere cambiamenti in programmi come Made in China 2025 citando preoccupazioni condivise tra tutti i principali partner commerciali del paese, ha affermato Hirson.

Le autorità cinesi hanno cambiato rotta in passato sotto pressione. Nel 2015, le autorità di regolamentazione hanno annullato i piani per richiedere alle istituzioni finanziarie straniere di installare software cinese tra i reclami di diplomatici e gruppi aziendali statunitensi, europei e giapponesi, ha affermato Erin Ennis, vicepresidente senior presso il Business Council USA-Cina.

Abbiamo visto progressi come questo in passato, quando gli Stati Uniti e altri partner commerciali avevano una visione quasi universale, ha affermato.

Alcuni funzionari dell'amministrazione si fanno beffe dei cambiamenti proposti come cosmeticie progettato per indebolire la forza di volontà negoziale degli Stati Uniti.

Michael Wessel, membro della Commissione di revisione dell'economia e della sicurezza USA-Cina, ha chiamato la divulgazione dei piani per consentire alle società straniere un ruolo maggiore nel programma tecnologico cinese un'operazione di influenza al meglio.

Si è chiesto se i cambiamenti nelle leggi cinesi pertinenti avrebbero significato molto finché i tribunali fossero rimasti sotto il controllo del Partito Comunista.

Quello di cui parlano i cinesi sono in realtà solo piccoli passi, ha detto.

Anna Fifield a Pechino ha contribuito a questo rapporto.