logo

Abbiamo sbagliato tutto nella cura di noi stessi?

(iStock)

DiAngelica Puzio 1 ottobre 2021 alle 8:00 EDT DiAngelica Puzio 1 ottobre 2021 alle 8:00 EDT

Nella primavera del 2020, Crystal McEwen ha perso sua madre a causa del covid-19 e suo marito per una relazione. McEwen, un'insegnante di asilo nido, ha fornito assistenza domiciliare a sua madre, che soffriva di disturbo schizoaffettivo bipolare e demenza ad esordio precoce. A causa delle rigide restrizioni alle visite negli ospedali sovraffollati di Brooklyn, McEwen non poteva stare con sua madre nelle sue ultime ore. Mia madre era il mio bambino, ha detto. Ma all'improvviso non avevo una famiglia.

Suggerimenti per iniziare e ottenere il massimo dalla terapiaFreccia Destra

Per affrontare il suo dolore, McEwen, 38 anni, ha cercato un terapeuta, ha iniziato a scrivere un diario, ha sviluppato una pratica di meditazione e ha aumentato il tempo che trascorreva in preghiera.

Nello stesso periodo, Samantha Purnell, 24 anni, agente immobiliare, ha iniziato a investire in nuovi prodotti per il benessere e a documentare le sue esperienze su TikTok, dove i suoi video hanno accumulato più di 8 milioni di visualizzazioni. Calcola che spende quasi $ 1.000 al mese in sfoghi, appuntamenti per le unghie, lezioni di ginnastica, autoabbronzanti, massaggi, trucco, prodotti per la cura della pelle, un diario e un abbonamento a un'app di meditazione. Lo chiamo ricaricare le mie batterie di bellezza, ha detto.

funzionano gli hula hoop ponderati?
La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Sia Purnell che McEwen descrivono le loro pratiche come cura di sé.

Il termine ora rappresenta una gamma sconcertante di significati. Karla Scott, un professore di comunicazione alla Saint Louis University che studia il linguaggio della cura di sé da 27 anni, dice che può riferirsi a qualsiasi pratica che sostiene e sostiene il benessere. Se esegui un'azione che costituisce la cura di te stesso, stai facendo cura di te stesso, ha detto.

La rivoluzione del reggiseno pandemico: come trovarne uno comodo o farne a meno

La pandemia di coronavirus ha offerto a studiosi e individui un'opportunità per riconsiderare il significato della cura di sé e la cultura che è sorta intorno ad essa. Come parte del mio lavoro di ricercatore che studia come le ideologie modellano il comportamento, ho parlato con quasi due dozzine di persone provenienti da tutto il paese della loro relazione con il termine.

La storia continua sotto la pubblicità

Prima della pandemia, molti dei miei intervistati non si sentivano autorizzati a prendersi del tempo per ridurre il proprio stress; ora, lo vedono come una componente integrale del loro benessere. Una volta che ho iniziato a permettermi di averlo, la cura di sé è stata un punto di svolta, ha detto Kenyah Canady, 22 anni, rappresentante del servizio clienti a Cincinnati. Ha usato il timeout della quarantena per investire in integratori immunitari naturali, cura della pelle e cura dei capelli.

Annuncio

Per Maya Scully, una studentessa diciassettenne di Seattle, tuttavia, il termine cura di sé le fa pensare alle immagini di donne bianche benestanti che fanno bagni di bolle. La parola è solo un modo per i marchi di bellezza per fare soldi, mi ha detto.

Per affrontare lo stress dei recenti disastri climatici e della pandemia, Maya ha iniziato a ritagliare fumetti manga giapponesi e a sostituire le scene mancanti con le sue opere d'arte. Ha anche sviluppato l'abitudine di tenere un diario e ha imparato a cucinare. Ma non chiamerà le sue strategie di coping cura di sé; lei dice che il termine è troppo difficile da mettere in relazione a causa della sua associazione con il consumismo.

La storia continua sotto la pubblicità

La stessa McEwen ha una relazione complicata con l'idea della cura di sé. Nessuna quantità di bombe da bagno cambierà ciò che il virus ha fatto a questo quartiere e ciò che ha fatto a me, ha detto. Ma credo che la cura di sé sia ​​l'unica ragione per cui sono ancora qui.

In origine un'idea radicale

Per capire come si è evoluto il termine cura di sé, ho scavato nella storia della frase. Il termine ha origini nella ricerca medica, ma il suo salto dal mondo accademico alla consapevolezza pubblica può essere ricondotto al Black Panther Party e scrittrici femministe nere .

Annuncio

Scott e altri ricercatori attribuiscono la divulgazione della frase all'attivista e scrittrice Audre Lorde, la cui raccolta di saggi del 1988 intitolata Un'esplosione di luce ha descritto la cura di sé come un modo per affrontare il viaggio personale del cancro, ma anche il trauma strutturale del razzismo. Prendersi cura di me stessa non è auto-indulgenza, ha scritto. È autoconservazione, e questo è un atto di guerra politica. La citazione è stata integrata nel canone femminista.

La storia continua sotto la pubblicità

Anche 33 anni fa, era normale essere oberati di lavoro, stressati, non provare gioia, non essere a proprio agio, non stare bene, ha detto Scott. Ciò rende molto radicale dire: 'Indosserò la mia maschera metaforica dell'ossigeno, così posso sopravvivere'.

Perché avere troppo tempo libero può essere dannoso per te quanto averne troppo poco

La cura di sé rimane particolarmente radicale per coloro che affrontano disuguaglianze strutturali. In quanto donne nere, siamo spesso indotte a prenderci cura di altre persone, ha affermato Iresha Picot, terapeuta e sostenitrice della salute mentale a Philadelphia che sta lavorando per portare l'idea a più donne nere. Oltre ad altre donne nere, ha detto, nessuno nella società è davvero coinvolto nella mia sopravvivenza, salute o benessere.

come evitare la matricola 15
Annuncio

Picot è un sostenitore di RagazzaTrek , la più grande rete nazionale di cura di sé per le donne nere, che ha attirato la sua attenzione quando ha visto la frase cura di sé oltre i bagni di schiuma nei suoi contenuti sui social media. Picot ora ospita gruppi di camminata per altre donne nere e pubblica regolarmente sull'account Instagram del gruppo, dove offre modi pratici per impegnarsi nella cura di sé, come incorporare il movimento nella propria routine quotidiana o proteggere il proprio tempo in solitudine.

La storia continua sotto la pubblicità

La cura di sé può anche essere vista come una nozione radicale per gli uomini, ha detto Christopher Peña, 64 anni, perché è più spesso discusso e pubblicizzato come ricerca femminile. Durante l'apice della pandemia, Peña ha affrontato l'insorgenza di una grave disabilità fisica. La sua routine di benessere non includeva maschere facciali o bombe da bagno; invece, ha imparato le lingue e, quando è stato completamente vaccinato, ha iniziato a tenere un corso sulle culture indigene ai membri della sua struttura di residenza assistita a Tucson.

Peña ha detto di provare un senso di conforto quando si connette con la sua eredità culturale. Gli uomini spesso pensano che non abbiamo bisogno di prenderci cura di noi stessi, ha detto. Ma è così che sono sopravvissuto.

Preoccupazioni per la 'cura di sé'

Oggigiorno, come notano i suoi critici, molte delle pratiche e dei prodotti propagandati come cura di sé dall'industria del benessere hanno poca relazione con gli approcci radicali al benessere descritti da Peña, Picot e Scott. Ma con la ricerca che mostra che le persone In tutto il mondo stanno avvertendo livelli senza precedenti di ansia e depressione, non sorprende che la società di consulenza McKinsey stimi che il mercato del benessere da $ 1,5 trilioni crescerà dal 5 al 10 percento all'anno vendendoci prodotti e servizi volti ad aiutarci ad apparire e sentirci meglio.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

E, no, gran parte di esso non è realmente necessario, dicono gli esperti. Uno dei valori dello studio delle narrazioni storiche delle donne nere è una migliore comprensione delle strategie di cura di sé che non si basano sul consumismo, Stephanie Evans , un professore di studi sulle donne nere presso la Georgia State University, ha scritto in una e-mail. Il movimento naturale, l'artigianato fatto in casa, la spiritualità, i piaceri sensuali del mangiare e del bere e la semplice pace sono gratuiti o economici se fatti bene.

Quando la 'ragazza cattiva' è una donna: come affrontare un bullo adulto

Ma gli esperti hanno un'altra preoccupazione al di là dell'associazione tra cura di sé e consumismo. Temono che l'aumento della terminologia sulla cura di sé sia ​​un riflesso della tradizione americana di affrontare il disagio in isolamento. Poiché la nostra psiche sopporta più angoscia, spesso a causa di mali sociali più ampi, ci carichiamo della responsabilità di alleviarla. La cura di sé è diventata un rimedio a ciò che il sistema ha creato, ha detto Scott.

Viviamo in una società in cui le persone sono molto orgogliose di fare le cose da sole, ha detto Picot. Ma la cura di sé non deve funzionare in questo modo, ha sottolineato.

sistema di filtrazione dell'aria per tutta la casa
La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

E, a volte, non funziona affatto. Alla fine del 2020, mentre mi preparavo a trascorrere le vacanze invernali senza la mia famiglia, ho allungato il mio budget per acquistare lezioni di yoga solo online e un prodotto da 70 dollari chiamato Katic Calming Cream, che prometteva la cura di sé attraverso la cura della pelle.

Queste pratiche mi offrivano conforto e una solida dose di distrazione, ma non intaccavano il nocciolo della mia angoscia. Quello di cui avevo bisogno era una regolare interazione di persona con la mia famiglia e i miei amici, e nessuna forma di cura di sé poteva prendere il suo posto.

Abbiamo sbagliato?

Quando ho riletto Burst of Light di Lorde, mi sono reso conto che la maggior parte dei suoi saggi descriveva le cure che riceveva dagli altri: Nei giorni più cupi, sono tenuta a galla, mantenuta, potenziata, dalle energie positive di così tante donne che portano il respiro di il mio amore come la luce del fuoco nei loro capelli forti, scrisse Lorde.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

La cura di sé è diventata il famoso takeaway, mi sono reso conto, ma non era l'unica lezione che doveva insegnare, o la più importante. In effetti, Evans, che è un'esperta degli scritti delle femministe nere sul benessere, crede che Lorde non abbia mai avuto intenzione di creare una dura separazione tra sé e la cura della comunità. Stava parlando di cura di sé in termini di come si relaziona con chi le sta intorno, ha detto Evans. Non è o individuale o collettivo. È entrambe le cose.

In assenza di assistenza comunitaria, la cura di sé è insufficiente, ha affermato Cheryl Grills , professore di psicologia clinica presso la Loyola Marymount University, la cui ricerca ha dimostrato l'importanza dell'assistenza comunitaria nell'affrontare il disagio mentale, soprattutto per quelli che sopportano traumi dovuti al razzismo e al sessismo.

Dopo aver sentito parlare delle routine di cura di sé degli americani in tutto il paese, alla fine ho visto la follia di cercare di descrivere alcune pratiche di cura di sé come meritevoli e altre come tentativi superficiali di acquistare benessere. Questo è un breve passo dal suggerire che dovremmo tutti superare qualcosa come una pandemia allo stesso modo, il che sarebbe ridicolo.

Annuncio

Ma quello che ho imparato è quanto la cura di sé si sia allontanata dalle intenzioni di coloro che l'hanno portata sotto i riflettori culturali. Lorde credeva che essere sostenuta non solo attraverso se stessa, ma anche attraverso gli altri, fosse fondamentale per il suo benessere - e gli esperti sarebbero d'accordo. È qualcosa che noi americani autosufficienti potremmo trarre beneficio dal pensare alla prossima volta che avremo bisogno di un po' di cure.

Puzio è un giornalista freelance e dottorando alla New York University. La sua ricerca e i suoi scritti esaminano come gli stereotipi culturali modellano il comportamento. La trovate su Twitter @angelicarozio.

Di più da Benessere

Salva la tua pelle: come fai la doccia conta più di quando, dicono i dermatologi

Ibuprofene e ulcere: cosa può insegnarci la chirurgia d'urgenza del rappresentante Debbie Dingell

Saltare la corda ha benefici fisici e mentali. Ecco come farlo in modo sicuro ed efficace.

CommentoCommenti GiftOutline Articolo regalo Caricamento...