logo

Un raccolto in contanti, i girasoli sono fioriti

Quest'anno Carol e Milton Hertz hanno spinto la loro fattoria ai vertici dell'agricoltura americana: hanno piantato miglia e miglia di grano dorato, abbastanza mais e avena per nutrire il loro bestiame e 8.500 acri di girasoli.

Ottantacinquecento di girasoli?

Puoi scommetterci, gli Hertz assicurano i visitatori qui. Le sgraziate margherite gialle e nere di grandi dimensioni si stanno rivelando un investimento redditizio per gli agricoltori di queste parti e stanno rapidamente diventando anche la più recente coltura in crescita d'America.

Da un inglorioso come irrilevante raccolto sostitutivo del lino negli anni '60 - prima che l'arrivo delle vernici al lattice uccidesse il mercato dei semi di lino - il girasole è sbocciato di dieci volte negli ultimi quattro anni in una coltura speciale da un miliardo di dollari con un futuro sorprendentemente luminoso.

Spinti dalla crescente domanda di semi di girasole da utilizzare in olio da cucina a basso contenuto di colesterolo, gli agricoltori americani hanno coltivato ben 6 milioni di acri della pianta nel 1979 - il doppio della produzione dell'anno precedente - e alcuni esperti prevedono un raccolto di 10 milioni di acri entro cinque anni.

In effetti, le prospettive si sono espanse così rapidamente che all'inizio della scorsa estate, l'industria ha stabilito il proprio mercato dei futures sul Minneapolis Grain Exchange, una rarità per un raccolto che è rimasto così limitato fino a poco tempo fa.

E - in quello che potrebbe essere il simbolo definitivo che una merce è finalmente diventata grande - il Dipartimento dell'Agricoltura sta formalmente considerando di proporre un programma di sussidi al raccolto per i girasoli, simile ai prestiti a basso interesse ora disponibili per la soia e altre colture.

Non c'è ancora alcuna indicazione se la nuova amministrazione Reagan orientata al libero mercato aderirà a un tale piano. I prezzi dei semi di girasole non sono diminuiti esattamente negli ultimi mesi, ma sono inferiori a quelli del 1974.

C'è ancora una notevole espansione da ottenere', prevede Marvin Kleveberg, un veterano di 30 anni nell'allevamento di girasoli che è presidente della National Sunflower Growers' Association e del gruppo commerciale del settore.

Alvin W. Donahoo, vicepresidente esecutivo del Minneapolis Grain Exchange, è d'accordo. 'Siamo molto soddisfatti del modo in cui sta funzionando il nuovo mercato dei futures', afferma Donahoo. 'Sospetto che vedremo un uso molto maggiore dei girasoli negli anni a venire'.

Come raccolto in contanti, il girasole è stato un deciso fioritura tardiva. Intorno ai primi anni '40, è stato coltivato per decenni quasi esclusivamente dai sovietici e adottato per la prima volta dagli agricoltori statunitensi nel 1966, dopo il crollo del mercato del lino.

Ma il vero impulso alla coltivazione del girasole qui arrivò nel 1974, quando le scoperte di uno scienziato francese e di esperti del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti portarono a un nuovo ibrido commerciale che aumentò notevolmente sia la resa complessiva del raccolto che la quantità di olio che ciascun seme avrebbe prodotto.

Quasi da un giorno all'altro, il mercato è esploso, poiché gli agricoltori, spinti dai congolmerati di lavorazione affamati di vendite che si sono offerti di garantire i loro profitti iniziali, hanno scoperto rapidamente l'alto rendimento che la coltivazione del girasole sembrava promettere.

Gli Hertz, che piantarono i loro primi girasoli nel 1975 dopo che Milt Hertz aveva ascoltato storie di successo da nuovi coltivatori nella vicina Red River Valley, passarono da 500 acri di girasoli quell'anno a 1.000 nel 1976 e 9.000 nel 1977.

'All'inizio c'era scetticismo sulla possibilità di farli crescere', ricorda Carol Hertz. 'Quel primo anno abbiamo fatto un sacco di telefonate ai nostri amici della Red River Valley', ammette il marito.

Oggi, le crescenti richieste di olio di mais in competizione, oltre all'accresciuta preoccupazione tra le società industriali sul presunto legame tra colesterolo alto e malattie cardiache, hanno favorito un mercato mondiale per i semi di girasole.

In effetti, gli stranieri sono i maggiori clienti dei coltivatori di girasole americani. Dei 3,5 milioni di tonnellate di girasoli raccolti qui nel 1979, oltre il 90% è andato all'estero, dove i trasformatori considerano l'olio di girasole di gran lunga superiore a qualsiasi concorrente, sia in termini di qualità che di nutrizione. (Ironicamente, l'olio di girasole semplicemente non ha ancora preso piede così tanto qui a casa.)

Gli esperti in agricoltura affermano che l'olio di girasole è del 20% più alto di polinsaturi rispetto all'olio di mais o di soia. 'Se mai stabilissero che il collegamento è definitivo', dice Carol Hertz, 'questa cosa decollerà davvero'.

Sebbene i 'fiori', come sono conosciuti tra i produttori di 25 stati, siano meglio riconosciuti a livello nazionale come simbolo dello stato del Kansas, in realtà sono coltivati ​​principalmente nel Dakota, nel Minnesota e nel Texas - e sono preziosi principalmente per i loro semi.

aggiornamento del credito d'imposta per bambini 2021

I semi, raggruppati in una grande testa brunastra al centro dei petali del girasole, sono disponibili in due varietà principali: una piccola perla brunastra-nera che può essere schiacciata per produrre olio di girasole, e l'ovale più grande, striato di bianco, così familiare Famiglie americane come becchime di alta qualità.

È la varietà più piccola che rappresenta tutto tranne una piccola parte del mercato di oggi. Oltre all'olio da cucina, i semi vengono utilizzati anche per produrre margarina, maionese, condimenti per insalata, snack, olio per capelli, mangime per suini e pollame, tronchi per caminetti e combustibile per forni di bassa qualità.

In entrambi i casi, i fiori raccolti vengono essiccati meccanicamente e quindi inviati ai trasformatori, che schiacciano i semi per ottenere l'olio e, sempre più spesso, li decorticano per scoprire la farina ad alto contenuto proteico.

Le spedizioni all'estero sono quasi interamente in semi piuttosto che in olio. Sebbene la produzione all'estero sia molto al di sotto dei bisogni locali, il Mercato comune, ad esempio, ha tariffe elevate sul petrolio e nessuna sui semi. Altri sembrano seguirne l'esempio.

Per l'agricoltore, i filari di girasoli rappresentano sia un redditizio raccolto in contanti che un veicolo per utilizzare la terra esistente in modo più efficiente: entrambe benedizioni virtuali dal cielo nei freddi e inospitali stati del centro nord. v

Hertz ha scoperto, per esempio, che in un clima con poca umidità come quello del Nord Dakota, i girasoli sono di gran lunga il suo raccolto più produttivo - fornendo un sorprendente guadagno netto di 85 dollari per acro anche con i danni della siccità dell'anno scorso - quasi il doppio di quello del suo raccolto di grano.

Nei periodi di bel tempo, la resa è ancora più attraente. L'analisi del settore afferma che il rendimento medio tra il 1972 e il 1978 è stato di 134 dollari per acro per i girasoli, rispetto agli 89 dollari per acro per il grano. I girasoli ibridi crescono fino a un'altezza di 4-5 piedi, rispetto agli steli di 6 piedi o più alti nella versione originale di Madre Natura.

Con i costi di produzione per le due colture all'incirca uguali e solo un nuovo investimento di capitale minimo, dice Hertz, è facile capire perché il girasole ha preso piede in quel modo. Gli Hertz ora piantano tanto della loro superficie a girasoli quanto a grano.

(I prezzi del girasole oggi sono di circa 12 centesimi al chilo, rispetto ai 10 3/4 centesimi al libbra nel 1979.)

Inoltre, sebbene essiccati e avvizziti dopo tutti quei mesi estenuanti sotto il sole implacabile, i fiori di Hertz hanno resistito alla siccità del 1979-80 molto meglio del grano o del mais che ha piantato. Il loro danno è stato meno della metà delle altre colture».

Quasi altrettanto importante, Hertz può piantare i suoi fiori su un terreno che altrimenti sarebbe rimasto incolto. (Il grano assorbe così tante sostanze nutritive dal terreno che i coltivatori di grano devono ruotare i loro raccolti per consentire alla terra di ricostituirsi. La fine del mercato del lino aveva lasciato i Dakotani senza un buon raccolto di rotazione.)

E i 'fiori' consentono anche agli Hertz di tenere impegnati più a lungo i loro macchinari e i loro braccianti. Poiché i girasoli non vengono raccolti fino a ottobre e novembre, le nuove e costose mietitrebbie possono essere utilizzate anche nel tardo autunno.

Né i trasformatori né la maggior parte degli agricoltori si aspettano che i girasoli esplodano nelle stesse proporzioni del mercato della soia negli anni '50. A causa delle esigenze del clima freddo e di altre restrizioni, è probabile che rimangano principalmente una coltura regionale.

Ma le analisi di Cargill Inc. e Honeymaid Products Co., le due più grandi aziende di lavorazione delle sementi, prevedono che la domanda continuerà a crescere poiché la preoccupazione per il colesterolo alto continua a crescere e il mais viene deviato per altri usi. Il consumo di olio di girasole attualmente aumenta di circa il 20% ogni anno.

Cargill, per esempio, ha appena messo i suoi soldi dove sono i suoi semi, aprendo un nuovo e costoso impianto di lavorazione a Riverside, N.D., in grado di schiacciare quasi 1.200 tonnellate di semi al giorno e bruciare gli scafi per produrre energia. E diverse altre aziende stanno progettando nuove strutture.

Allen A. Housh, vicepresidente del gruppo di trasformazione di Cargill, ritiene che ci sia ancora un forte potenziale per lo sviluppo di ibridi ancora più efficaci che aumenteranno ulteriormente le rese e aumenteranno ulteriormente il contenuto di olio.

Ciò, combinato con le aspettative di un continuo aumento degli standard di vita in tutto il mondo, garantirà quasi una crescita costante negli anni a venire, afferma. 'Non sarà un 'raccolto miracoloso' ogni anno, ma sarà consistente e solido'.

Tuttavia, gli agricoltori americani potrebbero dover affrontare una forte concorrenza. Gli Stati Uniti non sono l'unico produttore agricolo a saltare sul 'carro dei fiori' negli ultimi anni: anche Argentina, Australia e Sudafrica stanno aumentando la loro superficie.

Nel frattempo, il girasole americano è diventato la più recente e improbabile stellina dell'agricoltura degli Stati Uniti.

Il Kansas non ha mai saputo cosa avesse.