logo

I controlli dei precedenti, una metrica per la vendita di armi, hanno raggiunto il massimo storico

In questo giovedì, giugno. 18, 2020, foto, il proprietario del West Quincy Pawn Shop Lionel Hammond posa per una foto nella sezione delle armi del negozio che Hammond ha sottolineato che ha uno stock notevolmente basso a West Quincy, Mo. Al West Quincy Pawn Shop, Hammond ha detto che le vendite sono state fuori classifica e che non può tenere la merce sugli scaffali poiché gli acquirenti stanno usando i soldi degli incentivi governativi per acquistare armi da fuoco, gioielli, televisori e altri dispositivi elettronici. (Jake Shane/Quincy Herald-Whig via AP) (Associated Press)

DiLisa Marie Pane | AP 1 luglio 2020 DiLisa Marie Pane | AP 1 luglio 2020

A giugno sono stati effettuati numeri storici di controlli sui precedenti per l'acquisto o il possesso di un'arma da fuoco, una tendenza in un anno caratterizzato da incertezza sulla pandemia di coronavirus, una successiva recessione economica, proteste per l'ingiustizia razziale e richieste di riduzione dei finanziamenti della polizia.

cosa ha proteine ​​oltre alla carne?

I numeri dell'FBI rilasciati mercoledì mostrano che il mese scorso sono stati condotti 3,9 milioni di controlli sui precedenti, il massimo da quando il sistema è stato creato nel novembre 1998 per garantire che i criminali e altre persone vietate non potessero acquistare o possedere un'arma da fuoco. Il precedente record mensile è arrivato a marzo, quando sono stati effettuati 3,7 milioni di controlli. Ogni settimana di giugno è ora tra le prime 10 settimane per i controlli dei precedenti.

A metà del 2020 sono stati effettuati poco più di 19 milioni di controlli, più di tutto il 2012 e di ciascuno degli anni precedenti.

La storia continua sotto la pubblicità

I controlli sui precedenti sono il barometro chiave delle vendite di armi, ma i dati mensili dell'FBI includono anche i controlli per i permessi che alcuni stati richiedono per portare un'arma da fuoco. Ogni controllo dei precedenti potrebbe anche riguardare la vendita di più di una pistola.

Annuncio

Le vendite di armi da fuoco tradizionalmente aumentano durante gli anni delle elezioni presidenziali, alimentate dai timori tra i proprietari di armi che il prossimo presidente possa limitare i loro diritti. Ma quest'anno ha visto una serie di numeri inediti quando è emersa una crisi dopo l'altra: il coronavirus, le manifestazioni sulla disuguaglianza razziale e la brutalità della polizia, nonché profonde divisioni politiche tra gli americani.

Adeguato per riflettere solo gli acquisti di armi, il numero di assegni per giugno è aumentato di quasi il 136% rispetto a giugno 2019, secondo la National Shooting Sports Foundation, che rappresenta i produttori di armi. Quella cifra rettificata era di 2,2 milioni, ha detto il gruppo.

La storia continua sotto la pubblicità

I disordini civili, le rivolte, i saccheggi e le richieste di rimborso della polizia sono indiscutibilmente fattori motivanti del motivo per cui questa tendenza è in aumento. Gli americani hanno ragione a preoccuparsi per la loro sicurezza personale, ha affermato Mark Oliva, direttore delle relazioni pubbliche del gruppo.

Annuncio

Oliva ha affermato che gli acquisti di armi sono una reazione ragionevole al clima politico.

I politici che hanno l'idea di definanziare i dipartimenti di polizia sono gli stessi che chiedono un rigoroso controllo delle armi e persino la confisca definitiva, ha detto. Queste cifre non sono push poll. Sono rappresentativi degli americani di tutti i ceti sociali che stanno agendo e si assumono la responsabilità dei loro diritti e della loro sicurezza.

funzionano gli hula hoop ponderati?
La storia continua sotto la pubblicità

I sostenitori del controllo delle armi sono preoccupati che coloro che acquistano un'arma per la sicurezza personale potrebbero non avere una formazione sufficiente per maneggiarla o conservarla correttamente.

I numeri strabilianti sono iniziati all'inizio dell'anno e hanno continuato a battere i record durante le crisi della nazione. Finora, quest'anno ha visto la metà dei 10 giorni più impegnativi mai registrati e sette delle 10 settimane più impegnative, metà delle quali a giugno.

All'inizio della pandemia, quando gli stati emettevano ordini di soggiorno a casa e emergevano preoccupazioni per le turbolenze economiche, lunghe file serpeggiavano fuori da alcuni negozi di armi e la gente svuotava gli scaffali di munizioni. Le proteste iniziate alla fine di maggio, con alcune richieste di soppressione dei fondi per le forze dell'ordine, hanno suscitato le preoccupazioni di alcune persone nel difendersi se la polizia non è in grado di rispondere alle chiamate.

La storia della pubblicità continua sotto la pubblicità

Si stima che il 40% di coloro che acquistano armi da fuoco siano acquirenti per la prima volta, ha affermato la National Shooting Sports Foundation.

Sono estremamente preoccupato per quelle persone che, in questo momento di incertezza e paura, sono state vendute alla narrativa dell'industria delle armi che in tempi incerti, quando ti senti fuori controllo, il tuo possesso di un'arma da fuoco soddisferà quella paura, ha affermato David Chipman, direttore politico senior per il gruppo di controllo delle armi di Giffords.

Chipman, un agente in pensione dell'Ufficio federale per l'alcol, il tabacco, le armi da fuoco e gli esplosivi, ha affermato che i numeri non sono semplici puntini.

Questo non può più essere caratterizzato come un picco. Si tratta di un aumento sostenuto delle vendite che è continuato per un numero senza precedenti di mesi ormai, ha affermato.

Copyright 2020 The Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

cosa fa il purificatore d'aria?